Terza Età: qualità animiche in evoluzione (seconda parte)

Lucia Castagnetti

Lucia Castagnetti

Dal 1993 mi dedico all'arte dell'umano vivere, aiutando a cogliere quel che la vita porta incontro biograficamente. Accolgo adulti, giovani e i più piccini con i genitori.

RISPETTO                                       TATTO                                     CURIOSITA’

INTERESSE                                      VITA                                      INSOFFERENZA

LIBERTA’                                   MOVIMENTO                          IMMOBILISMO

AUTONOMIA                              EQUILIBRIO                             DIPENDENZA

 

TOLLERANZA                                OLFATTO                               MALIGNITA’

CORTESIA                                      GUSTO                                  LITIGIOSITA’

SODDISFAZIONE                             VISTA                                    ACRIMONIA

PAZIENZA                                     CALORE                                  NERVOSITA’

 

ATTENZIONE                                 UDITO                                     POLEMICA

VENERAZIONE                            LINGUAGGIO                             PAURA

CONTEMPLAZIONE                        PENSIERO                               VERBOSITA’

UMILTA’                                      IO  ALTRUI                              EGOCENTRISMO

 

 

 SENSI INFERIORI

( percezione del proprio corpo )

RISPETTO                                                                                 TATTO                                                            CURIOSOTA’

Osserviamo il neonato nel momento in cui viene alla luce: è il momento i cui sviluppa il senso del tatto.

Comunemente si crede che toccando un oggetto se ne percepisce la forma.

Non è così.

Toccando un oggetto semplicemente sperimentiamo la presenza di un ostacolo: è attraverso il movimento che ne individuiamo la forma.

Il senso del tatto ci consente, in realtà, di sviluppare la capacità di distinguerci dal mondo circostante, viene a coscienza, cioè, il ruolo che la pelle ha di barriera, di limite, di involucro che per tutta la vita ci circoscriverà rispetto al mondo.

Il tatto è, dunque, una percezione del mondo nella modalità più materiale e diretta, globale: esso ci avverte della presenza del mondo esterno ma non è in grado di definire la forma o la natura (per esse ci è indispensabile almeno il senso del movimento).

Con esse abbiamo, dunque, percezione del limite del nostro corpo.

E’ un senso orientato massimamente in senso soggettivo e su di esso poggia l’intero edificio costituito dalla nostra egoità, individualità.

E’ chiaro che, se ci limitiamo per la vita intera a registrare semplicemente l’esistenza di un mondo esterno a noi, nulla si potrà sviluppare di quell’enorme patrimonio cui ci sarebbe possibile attingere se solo ci abituassimo a sviluppare il profondo senso di rispetto per quanto e per chi ci è intorno.

Solo spegnendo a poco a poco l’enorme impatto sensoriale che ci deriva dal tatto, infatti, ci è possibile penetrare oltre l’aspetto meramente materiale delle cose, la semplice apparenza della realtà circostante che preferiamo non approfrondire.

Diventa, allora, veramente importante continuare ad esercitarlo anche in vecchiaia, per esempio, coltivando, nonostante la mano tremante ed insicura, la capacità di lavorare a maglia o di continuare a suonare un qualsivoglia strumento musicale perchè dalla semplice sensibilità puramente tattile sappiamo ricavare esperienze più ampie e creative.

Ma se tale rispetto per il mondo esterno ed i suoi tesori, che possono diventare una sciarpa invernale piuttosto che una sinfonia, non viene adeguatamente esercitato si trasforma nella insaziabile curiosità che, con una certa frequenza si manifesta in quell’anziano che vuol sapere tutto di tutti fermandosi, tuttavia, alla superficie senza particolare interesse ad approfondire oltre come a tutti noi può esser capitato di incontrare avendo relazioni con anziani.

Continua…

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

modulo contatto professionisti

Sei un professionista e sei interessato al nostro servizio? Compila il form per avere tutte le info per iscriversi al portale

Seguici sui nostri canali social

modulo contatto utenti

Seguici sui nostri canali social